Prima il censimento delle realtà sportive della città, poi il dossier per raccontarle, infine la presentazione del logo (il melo cotogno, pianta tipica locale, con 5 cerchi olimpici). E adesso, ottenuto il titolo di “Comune europeo dello sport”, il piano di 365 eventi, sportivi e culturali, in cantiere per un 2023 da primato. “Pensiamo di coinvolgere tutti i cittadini e i comuni limitrofi, che ci aiuteranno con l’accoglienza, in un calendario, in via di definizione, con grandi nomi, ma soprattutto che permetterà di valorizzare le realtà locali – introduce il sindaco Francesco Passerini che, con il delegato allo Sport Luigi Bassi, ha seguito l’iter e presto, forse a Bruxelles, ritirerà la bandiera ufficiale dell’ambito titolo –. Ricordiamoci che il riconoscimento concesso da Aces Europe (che esiste dal 2007e a cui possono ambire gli 8000 comuni italiani) è come una medaglia alle olimpiadi”.

ArtLeggi tutto l’Articolo su Il Giorno